28 novembre 2016

Libro:Via Da Gormenghast di Mervyn Peake


VIA DA GORMENGHAST di Mervyn Peake (traduzione Roberto Serrai)  

Con questo libro si chiude una trilogia che mi ha catturata e affascinata, e continuo a ritenere il volume iniziale, Tito di Gormenghast, uno dei libri più belli che abbia mai letto. (ne avevo parlato qui )
Nel finale del secondo romanzo - intitolato semplicemente Gormenghast – Tito rimasto solo e senza affetti dopo aver lottato per difendere il proprio regno dal male e dall’usurpatore, partiva per cercare la propria strada lontano dall’opprimente Gormenghast. Sembrava quasi che la saga fosse conclusa, invece quest’ultimo sorprendente capitolo racconta le avventure vissute dal giovane protagonista lontano da casa.



Lo stile di questo terzo libro è molto differente da quello dei precedenti: fu scritto da Peake durante la malattia e pubblicato postumo senza una sua definitiva elaborazione; ne pagano alcuni personaggi che a tratti risultano poco definiti o certe situazioni un po’ vaghe, ma nel complesso merita comunque.



IL SENSO


Tito ha lasciato Gormenghast perché soffocato dall’immobile rituale e dalla tradizione, perché voleva sfuggire a un destino già scritto ed essere l’autore delle proprie scelte; tuttavia lontano da casa si ritrova a vivere sempre come un fuggiasco ed essere ritenuto uno straniero indesiderato. 
L’ambientazione non è pervasa di paesaggi onirici come nel primo libro, qui siamo di fronte alla rappresentazione di tutte le paure e di tutti i fantasmi del protagonista che nel suo percorso incontra disperazione, odio, paura, cattiveria, persone che sono solo solitudini che si sfiorano.
Inoltre, se i primi due romanzi sono ambientati in un non-tempo e non-luogo, qui invece è evidente che siamo nel ‘900, in quella modernità tecnologica e disumana che rende Gormenghast ancora più distante e immobile, così cristallizzata nel suo rituale. E’ per questo motivo che Tito è smarrito, confuso e ostile, incapace di fidarsi; quando è attanagliato dal dubbio, per non impazzire ha bisogno di stringere la scheggia di selce che gli ricorda in modo tangibile che la sua casa esiste. Più la strada è persa, più Tito desidera ritrovarla e nella ricerca di sé scopre di essere indissolubilmente legato alle proprie radici. E’ un duro percorso di maturazione per diventare uomo: abbandonare l’opprimente terra natia per sentirne poi la mancanza, dubitare di avere avuto un passato per scoprire che quel passato è invece sempre dentro di lui a dargli forza.
Ed è perché la sua casa esiste davvero che, nel finale, non ha bisogno di superare la montagna per vederla con gli occhi: l’ha ritrovata nel cuore.


Mira Queen

Mira Queen



5 commenti:

  1. Confesso che avrei evidenziato anche io le parti che hai postato qua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta da queste parti.
      In questa conclusione c'è il succo del libro, ma consiglio davvero la lettura della trilogia.

      Elimina
  2. Quel pezzetto di pagina è molto intenso, per di più l'argomento mi intriga parecchio (non so se perché sento di non essere ancora a quel punto di maturazione oppure perché ho scoperto la concreta possibilità che un giorno lascerò la mia città per un'altra lontana). Finisce nella mia lista di libri!

    (ps: auguri natalizi e auguri per l'anno nuovo) ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto bentornata da queste parti!!! manchi un po' nella blogosfera, ma sono certa che tu abbia di meglio da fare...
      Comunque, se questo libro ti ha intrigata ti consiglierei di leggere anche gli altri due, soprattutto il primo.
      Un abbraccio a distanza e buon anno!!!

      Elimina
    2. Grazie, in effetti sono stata latitante per molto (troppo) tempo... non tanto per gli impegni quanto per mancanza di ispirazione. Vedremo quest'anno, che dati gli avvenimenti delle prime due ore conto di poter scrivere parecchie disavventure comiche xD
      Mi piacciono i libri dove i personaggi crescono, si evolvono, per cui penso di cogliere il tuo suggerimento e leggerli tutti e tre, in ordine.
      Un abbraccione!

      Elimina

Mi fa piacere ricevere i commenti anche se non sono sollecita nel leggerli e rispondere.
Per "firmare" se non siete utenti Google scegliete OpenID e provate a scrivere nel campo URL il vostro dominio di posta elettronica (ad esempio Yahoo.it) Se non funziona mandatemi dei segnali di fumo.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...