26 gennaio 2018

Pioviggine





    Essere Shoegazer significa avere un'indole portata all'introspezione.
 
  
Significa anche indossare gli occhiali in una giornata piovigginosa.

  Questa mattina sono uscita senza ombrello...









21 gennaio 2018

Comunicazione di servizio


Mira Queen
 O di disservizio? Mah... fatto sta che invece di andare io dall'estetista o dal parrucchiere per il compleanno, mi è venuta voglia di cambiare l'aspetto al blog. Tutto qua, volevo rendervi partecipi di questa (clamorosa) novità.



5 gennaio 2018

Rubrica: Ho fatto la pipì - 15^ puntata


Il bagno del Ristorante Pizzeria Peperosso al Borgo Campidoglio non si distingue per le scelte estetiche ma non è nemmeno un tugurio, probabilmente sarebbe scivolato nell’indifferenza senza meritarsi una recensione; in realtà mi ha fornito lo spunto per delle riflessioni generali che adesso vado a illustrare.
Molto spesso nei locali pubblici i servizi destinati ai disabili sono in comune con quelli delle donne, tanto che per alcuni poveri di spirito sarebbe fin troppo facile saltare alla conclusione che le due categorie coincidano.
Le aree fornite del cosiddetto fasciatoio, cioè adibite al cambio di pannolino per i bebè, non sono molto diffuse in Italia ma, se presenti, si trovano sempre nel bagno delle donne, come se questa incombenza fosse esclusiva prerogativa femminile.
Forse dei sociologi potrebbero aiutarci a capire come mai sia così difficile pensare di dotare i bagni di ambo i sessi sia di sanitari idonei alle persone con difficoltà motorie, sia di attrezzature per la cura e la pulizia dei bambini più piccoli. Io una spiegazione non la so dare, posso solo fare un’osservazione di ordine pratico.
Noi donne siamo naturalmente un po’ più lente degli uomini nell’espletamento delle funzioni fisiologiche così come nello spogliarci e rivestirci, e non possiamo oltrepassare lo specchio senza dare una sistemata a capelli, abiti, trucco, viso acqua e sapone… oddio come sono grassa… umh come sono figa e via discorrendo. Tuttavia queste pratiche da sempre rientrano nel compimento delle normali funzioni, non è certo per questo che si forma la coda!
A nessuno è mai venuto in mente invece, che tra disabili e neonati c’è sempre troppo affollamento nel bagno femminile? ma se per un’impellenza salti la coda e vai in quello degli uomini  - che chissà come mai è quasi sempre vuoto - loro, i maschi, ti brontolano anche contro.

Mah, passiamo alle recensioni che, manco a farlo apposta, sono tutte di bagni ambosessi… in parole povere un cesso solo.

Pizzeria Gonzales in corso Francia. Il bagno si trova in un cortile ben camuffato (e riparato) da una veranda in stile rustico che lascia abbastanza perplessi. Per il resto, meno male che tutto è verniciato di bianco così sembra meno claustrofobico di quanto sia davvero.

Birreria Lutèce in piazza Carlina (come recita la toponomastica confidenziale). Prendete un vecchio bagno e non eseguite nessuna ristrutturazione né ammodernamento; poi prendete un pennarello bianco e scrivete dei numeri alla rinfusa sulle piastrelline nere, come per creare un sudoku impazzito sulle pareti. Et voila!

Ristorante Angolo di Parin a San Salvario. Mi piace l’accostamento di nero e oro delle piastrelle, trovo di grande effetto lo specchio con cornice dorata appeso sul soffitto dell’antibagno… ma poi si esagera con mazzi di fiori finti, lampade a medusa, dipinti di fanciulle ignude e chissà quanti altri oggetti degni di un rigattiere mi sono sfuggiti.

22 novembre 2017

Déjà entendu?



Ci sono suoni, o immagini, o sensazioni di emozioni vissute nell’infanzia che rimangono sepolte in qualche angolo nascosto della memoria; poi, a distanza di anni, riaffiorano alla superficie e sembrano idee nuove, ma non lo sono.
Chissà se nel 1977 un bambino inglese di nome Noel Gallagher ascoltava alla radio uno strampalato artista belga chiamato Plastic Bertrand? Fatto sta che a quarant’anni di distanza il suo ultimo singolo assomiglia proprio tanto a quella canzone.

Plastic Bertrand - ça plane pour moi


 Noel Gallagher  - Holy Mountain
 

2 novembre 2017

La postilla al post

 Questione di pelo
Se si tratta di sandali invernali,  è ovvio che debbano essere indossati con le calze. Quindi la foto tratta dalle sfilate di moda suggerisce un uso improprio del prodotto.

Devo sempre accorgermi di tutto io!

30 ottobre 2017

Questione di pelo


Dovrei brevettare le cazzate che dico, anche se questo significa che passerei la maggior parte della vita all’ufficio brevetti. Dovrei brevettare e riuscire ad averne un ritorno economico. 
Perché dico questo? Perchè tempo addietro – per ironizzare sulla moda degli stivali estivi – lanciai per provocazione l’idea dei sandali invernali rivestiti di pelo. Leggere per credere, ne avevo parlato qui.

Bene, c’è chi li ha fatti davvero!  A questo punto dovrei chiedermi se sia più stupido averli messi in commercio o comprarli e indossarli veramente.
La risposta la so già.


Immagine tratta dalle sfilate di moda


Veramente esposta nella vetrina di un negozio


___________________________
Leggi anche:



(link-fai-da-te by Mira Queen)
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...